Neuf-Brisach, il capolavoro di Vauban

AKA Primo giorno di pioggia

Uno degli otto bastioni della cittadella
Uno degli otto bastioni della cittadella

Oggi percorso breve da Bad Bellingen a Neuf-Brisach, patrimonio UNESCO nonché simbolo dell’opera di Vauban, il geniale ingegnere militare francese il cui nome è associato a decine di grandiose fortificazioni sparse per tutta la Francia. Questa cittadina si trova nei pressi del Reno e fu costruita nel 1697 per volontà di Luigi XIV; Vauban scelse una pianta ottogonale con bastioni e terrazzamenti (abbastanza simile a quella di Palmanova, in provincia di Udine). Purtroppo servirebbe un elicottero per avere visone ottimale del complesso, ma è possibile seguire un percorso tra muraglioni e contrafforti, disseminato di pannelli esplicativi che aiutano a comprendere la grandiosità del progetto.

Vista aerea di Neuf-Brisach
Vista aerea di Neuf-Brisach

Ormai siamo quasi arrivati alla fine del viaggio e durante la breve pedalata di oggi ci siamo divertiti a ripassare le cose che ci hanno “destabilizzato” maggiormente in questi giorni:

  1. il clima: siamo passati dall’estate torrida di Weil am Rhein e Kehl (con punte di 38 gradi) al freddo primaverile e soleggiato di Hinterzarten, alla pioggia autunnale di oggi (15 gradi). Un clima veramente difficile da prevedere in pieno luglio!
  2. il continuo passaggio da Francia a Germania: non so quante volte abbiamo già attraversato la frontiera, davvero troppe. E ogni volta facciamo confusione sulla lingua da utilizzare per i saluti e per chiedere informazioni; per fortuna qui il bilinguismo sembra diffuso, come pure la tolleranza verso il turista in confusione culturale!
  3. i nomi dei paesi: abbiamo spesso rischiato di finire chissà dove perché facevamo confusione con i nomi. Lungo il Reno, dal lato francese i villaggi si chiamano tutti XXX(s)heim, dal lato tedesco XXX am Rhein, nel sud della foresta nera Bad XXXingen. Insomma, bisognava sempre controllare quattro volte; per non parlare dei déjà-vu del tipo: ma non siamo già passati da Neuf Brisach? No, era Breisach… ah beh, tutto chiaro allora. Poi vabbè, ci sarebbe anche da parlare di certi nomi imbarazzanti tipo Merdingen (esiste davvero), ma preferiamo evitare troppe cadute di stile 😉

Dove dormire

  • Ranch Le Caballin – Vogelgrun
    L’hotel di per sé non è nulla di straordinario, ma si trova su un’isola in mezzo al Reno ed è vicino ad un laghetto pieno di paperotte e cigni, con rondini che svolazzano ovunque… un paradiso di pace e natura.

Anche le capre si fanno i selfie....
Anche le capre si fanno i selfie….

AleRoss

Apparentemente diversi come il giorno e la notte, analogamente complementari e inseparabili da diverse ere geologiche. Ci unisce l'amore per il viaggio, tra le altre mille cose...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi