Indigestione di cattedrali gotiche: Oviedo, León, Burgos

Cattedrale di Oviedo
Cattedrale di Oviedo

Per gli appassionati di alte navate, volte a crociera e vetrate variopinte, queste sono tre mete imperdibili.

Oviedo è la meta più a nord, nella regione delle Asturie e merita una visita di mezza giornata grazie a:

  • Catedral de San Salvador, situata nella grande Plaza de Alfonso II El Casto
  • zona delle piazze di Trascorrales, de Riego e del Paraguas con i loro portici, mercatini e bei negozi (soprattutto quelli che vendono i prodotti tipici della zona).

León e Burgos si trovano a sud di Oviedo, nella regione di Castilla y León. Sono vicine a Madrid e, d’inverno, hanno un clima decisamente rigido se confrontato con le temperature della costa nord.

Se avete tempo e non patite i tornanti, si può percorrere la N 630 che si inerpica sui monti e permette di ammirare un panorama sensazionale. Unica nota negativa: i tir che rallentano il traffico e non sono sempre facili da superare.

León è una città abbastanza grande con un centro storico che si può girare in mezza giornata. Da vedere:

Facciata della cattedrale di Leon
  • Catedral – visita a pagamento con audioguida in italiano
  • Real Basilica de San Isidoro
  • passeggiata sul lungofiume
  • Barrio Gotico
  • Barrio Humedo e Plaza Mayor
  • negozi su Calle Ancha
  • muralla in Av. de los Cubos e in C. de Ruiz de Salazar

Al pari di León, anche Burgos ha un bel lungofiume con un parco alberato e un centro storico raccolto intorno alla cattedrale. Si gira tranquillamente in giornata.

Da vedere:

Volta in stile gotico fiorito
  • Catedral – visita a pagamento con audioguida in italiano
  • Iglesia de San Nicolas
  • Plaza Mayor e i suoi portici
  • passeggiata verso il Castillo e parco circostante.

Come muoversi (per chi viaggia in auto)

Oviedo è abbastanza tranquilla e l’accesso in auto è facile. Nelle immediate vicinanze del centro storico sono presenti diversi parcheggi a pagamento, ben segnalati. Si dovrebbe riuscire a parcheggiare gratuitamente nella zona di Calle Pedro Masaveu o Calle Cardenal Cienfuegos, che distano 15-20 min a piedi dal centro storico.

In León è un po’ più problematico girare perché è facile rimanere bloccati in un ingorgo, soprattutto nella zona del fiume e di Av. Condesa Sagasta. Meglio stare nella zona nord est della città, tra Av Universidad e Av Los Cubos. Qui c’è meno traffico e si trova facilmente parcheggio gratuito.

Burgos è abbastanza facile da raggiungere e non dà problemi di parcheggio. Nella zona del Museo dell’evoluzione umana ci sono alcuni parcheggi a pagamento, comodissimi per raggiungere a piedi il centro storico. Nella zona del Castillo, a nord del centro storico, si trovano anche parcheggi gratuiti.

Dove dormire

  • Hotel Q!H, León – la vista è strepitosa (muralla e cattedrale), le stanze sono belle anche se non particolarmente pulite. E’ una buona opzione per il pernottamento, vista anche la vicinanza al centro e la facilità di parcheggio in zona
  • Hotel Forum Evolución, Burgos – questa è una delle migliori sistemazioni della nostra vacanza. Si trova dall’altra parte del fiume rispetto al centro storico, nelle immediate vicinanze del Museo dell’evoluzione umana. Le stanze sono enormi e semplicemente perfette; la colazione a buffet è economica ma con ampia scelta di bevande e dolci fatti in casa.

Dove mangiare

  • Restaurante Espadana, León – originale e vicino alla cattedrale, gestito da proprietari molto gentili e simpatici
  • Bar Jamon Jamon, León – affollato tapas bar, perfetto per uno spuntino al volo e una buona birra
  • locali su Calle San Lorenzo e in particolare La Quinta del Monje – spazioso bar con sedie e tavoli, ma soprattutto con una scelta infinita di tapas fresche e gustose (principalmente a base di pesce)
  • Cerveceria Morito, Burgos – in questa atipica birreria (che apre per cena ad orari “umani” ovvero già alle 19) si possono gustare le consuete tapas, originali e abbondanti insalate, buoni piatti di carne e pesce.

Link utili

AleRoss

Apparentemente diversi come il giorno e la notte, analogamente complementari e inseparabili da diverse ere geologiche. Ci unisce l'amore per il viaggio, tra le altre mille cose...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi