I trasporti a Taiwan

Siamo a Taiwan da circa due settimane e abbiamo già provato quasi tutte le tipologie di mezzi messi a disposizione da questa nazione efficientissima, che non sfigura troppo in confronto al Giappone (sebbene per certi aspetti quest’ultimo sia su un altro livello). Ho così deciso di scrivere un post ad hoc sul sistema dei trasporti qui, perché é un tema che ho particolarmente a cuore e che era una grande causa di sconforto quando vivevo in Italia.
Negli ultimi anni ho assistito ad un peggioramento costante del trasporto pubblico italiano: treni sempre in ritardo quando non soppressi, aumento esponenziale della gente senza biglietto, bus affollati, sporchi o vandalizzati dal primo graffittaro di turno, impiegati svogliati e demotivati. Io credo che, in una società civile, il benessere si misuri non solo nella qualità dei servizi erogati dallo stato ai cittadini ma anche e soprattutto nel rispetto che questi ultimi dimostrano verso i beni collettivi e le regole di fruizione, che si tratti di pagare del biglietto o di rispettare le code alla fermata.

Vorrei quindi raccontare cosa vuol dire, qui a Taiwan, servirsi quasi quotidianamente dei trasporti (pubblici e non).

pubblicità progresso sui trasporti a Taiwan: metro a Taipei

Muoversi a Taipei: la metro

La metro di Taipei é davvero un gioiellino. Non é la prima metro che vediamo, ovviamente non siamo nati ieri e al primo posto nei nostri cuori ci sarà sempre la metro di Seoul con la sua insostituibile colonna sonora, ma quella di Taipei ci piace soprattutto per l’organizzazione razionale ed efficiente in ogni singolo dettaglio.

In corrispondenza delle varie uscite delle stazioni, sia in superficie sia al livello sotterraneo, sono disponibili cartine dettagliate che mostrano non solo dove ci si trova ma anche dove solo localizzati i servizi e le principali attrazioni turistiche.

Per fare il biglietto, si consulta la cartina delle fermate, presente in corrispondenza delle macchinette automatiche; ad ogni nome é associata l’indicazione del costo, a seconda della distanza. Il biglietto singolo è un gettone da passare ai tornelli in ingresso e da consegnare in uscita; se la propria stazione di uscita è diversa da quella per cui si é pagato il token, il tornello segnala l’errore e un addetto accorre immediatamente a prelevare il passeggero e fargli pagare la differenza.

Tutte le stazioni sono coperte dal WI-FI gratuito, esattamente come le stazioni ferroviarie.

Quanto ai servizi igienici, sono presenti in ciascuna stazione e sempre gratuiti; in quelli più moderni, in corrispondenza dall’ingresso, è disponibile un pannello con lucine rosse e verdi che indicano quali sono liberi e quali occupati.

Ma quello che veramente ci ha colpito del MTR é l’attenzione ai disabili e all’educazione dei cittadini. Innanzi tutto le barriere architettoniche non esistono: le rampe e gli ascensori onnipresenti permettono a chiunque di spostarsi con facilità e sarà forse anche per questo che si vedono sempre in giro disabili in carrozzina.

pubblicità progresso nella metropolitana di taipei

Ad ogni angolo sono presenti enormi cartelli che invitano le persone a rispettare norme di comportamento semplici: tenere la destra sulle scale mobili, non correre per cercare di salire sulla metro mentre le porte si chiudono, non mangiare o bere a bordo, non parlare al telefono ma preferire l’invio di un SMS, cedere il proprio posto alle persone con necessità e così via.

In corrispondenza delle porte per la salita sui treni, a terra, sono inoltre disegnate strisce per far sì che la gente si metta in coda con ordine e non intralci la discesa degli altri passeggeri. È ovvio ma ci tengo a precisarlo: tutti rispettano tali code, è rarissimo vedere qualcuno che fa il furbo, anche perché verrebbe istantaneamente rimproverato e rimesso in riga dagli altri.

Info: english.metro.taipei

cartello metropolitana taipei

Trasporti a Taiwan: i bus

Gli autobus urbani sono economici e frequenti. Il meccanismo di funzionamento varia a seconda del tipo di bus, ma in generale si può sempre usare una tessera magnetica prepagata, da passare sull’apposito sensore al momento della salita e della discesa. In alternativa, si paga l’importo del biglietto al momento di salire, inserendo le monete in un apposito “salvadanaio” posto accanto al conducente.
Il sistema è blindato, non vi è modo per non pagare.
Ci sono poi anche i tourist bus, dedicati al collegamento dei principali siti turistici. Hanno prezzi leggermente più alti di quelli ordinari, ma sono veloci e di solito prevedono la possibilità di acquisto di pass giornalieri (o multi day) a prezzo vantaggioso.
Un esempio: il servizio di bus da Hualien a Taroko, parco situato 15 km a nord della città, costa 250twd a persona per un pass giornaliero che permette un numero di corse illimitate.

Treno

Le ferrovie sono sviluppate attraverso tutto il paese ed è anche disponibile la rete ad alta velocità, i cui servizi sono stati avviati nel 2004. La rete é organizzata molto bene, a partire dall’informazione: il sito ufficiale delle ferrovie é tradotto in inglese il che rende orari e costi facilmente consultabili.
Il biglietto può essere fatto sia agli sportelli – divisi tra biglietti per i viaggi in giornata e prenotazioni anticipate – e le macchinette automatiche, dove purtroppo non é disponibile una traduzione in inglese.
I posti sono sempre assegnati, anche sui treni espressi che corrispondono ai nostri regionali; su alcune tipologie di treno, se tutti i posti sono pieni, é comunque possibile acquistare un biglietto senza sedile assegnato.
Il personale parla quasi sempre inglese, anche solo quel poco che serve per capire le nostre richieste.
In quasi tutte le stazioni, anche quelle minori, c’é un ufficio di informazione rivolto ai turisti, che fornisce indicazioni e materiali non solo sui siti di interesse della regione ma anche sui trasporti e su altri servizi disponibili.
Sono inoltre disponibili sempre almeno due reti WI-FI gratuite previa registrazione, iTaiwan e CHT.
Per l’accesso ai binari é fondamentale il biglietto, che va mostrato al personale delle ferrovie o inserito negli appositi tornelli. Questo é solo il primo dei controlli che vengono effettuati: sul treno passa sempre il controllore e, al momento dell’arrivo, bisogna mostrare nuovamente il biglietto o inserirlo nei tornelli per poter uscire dalla stazione.
I binari indicano chiaramente il numero del vagone del treno, così il traffico dei passeggeri viene già smistato e le operazioni di discesa e salita sono davvero veloci.
Su tutti i vagoni sono disponibili i servizi igienici (sempre funzionanti), distributori di acqua calda e bicchieri (per chi vuole farsi del té), un servizio continuo di pulizia con una signora che passa a ritirare la spazzatura dai passeggeri e un servizio di vendita di buon cibo e bevande.
Un esempio di viaggio: da Taipei a Taichung, viaggio di circa 165 km, si impiegano 2 ore e 15 minuti con un treno regionale (limited express) e il biglietto costa 375twd a persona. Possiamo confrontare questa tratta con una Torino-Genova fatta con treno regionale veloce: distanza, tempi e costi sono praticamente uguali, ma cambiano due cose importanti. Qui a Taiwan i treni sono sempre in orario, quindi il tempo di viaggio indicato é reale, non una stima al ribasso. La seconda è la frequenza: un treno ogni mezz’ora, di nuovo reale e senza treni soppressi. Se poi pensiamo al servizio erogato a bordo e al fatto che tutti pagano il biglietto, allora é facile arrivare alla conclusione che i trasporti a Taiwan sono ad un livello molto più alto delle ferrovie italiane.

Info: www.railway.gov.tw/en/

Taxi

Sono molto diffusi ed economici, ci é capitato di utilizzarli in situazioni di “emergenza”.
Qualche esempio di prezzo: a) 3km in area urbana di domenica mattina, per circa 10 minuti complessivi di viaggio: 100twd = 3€; b) 16km dalla stazione ferroviaria fino ad una località in periferia, tempo di attesa dell’autista e ritorno in stazione (altri 16km), per circa 1 ora complessiva di viaggio: 550twd = 16,50€.

Bici

Esistono le ciclabili, hurrà! Non solo nelle città ma anche in periferia e spesso sulle strade ordinarie esiste addirittura una corsia dedicata a bici e scooter.

pubblicità contro i maniaci sui trasporti a taipei
Allerta maniaci sui trasporti a Taiwan!!!

Ross

The mottos that best represent me? "Worry more about your conscience than your reputation. Because your conscience is what you are, your reputation is what others think of you. And what others think of you is their problem." and..."Frankly, my dear, I don't give a damn!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi