Festival della Fotografia Etica – Lodi 2016

Ci sono persone che nella vita hanno entusiasmo, passione e sogni grandi. Alcuni di loro li tengono in un cassetto, altri invece riescono a realizzarli e a creare qualcosa di davvero importante. È questo il caso del manipolo di appassionati del club fotografico Progetto Immagine che dal nulla hanno creato il Festival della Fotografia Etica di Lodi.

Festival Fotografia Etica di Lodi 2016

Nato nel 2010, su ispirazione del Festival internazionale di fotogiornalismo di Perpignan, il Festival di Lodi è cresciuto in modo netto e costante di anno in anno ed è oggi giunto alla sua settima edizione.
Noi l’abbiamo scoperto nel 2014, cercando eventi interessanti per spezzare il grigiore dei weekend di ottobre. Siamo stati calamitati dalla locandina di quell’anno, un’immagine scattata da una fotografa per noi all’epoca sconosciuta, Laerke Posselt. Siamo rimasti a Lodi due giorni, visitando tutte le mostre e assistendo ad uno dei convegni organizzati a corollario delle esposizioni fotografiche.

Laerke Posselt - Beautiful Child - Festival fotografia Etica Lodi 2014
Una delle immagini del reportage “Beautiful Child” sui concorsi di bellezza infantili in USA. Presentato al festival della fotografia etica di Lodi 2014 dalla fotografa Laerke Posselt

Folgorati, entusiasti, emozionati, felici: questi probabilmente sono gli aggettivi che descrivono meglio ciò che abbiamo provato al festival, allora. Ci siamo persi l’edizione del 2015 per via della partenza per il Giappone e quest’anno, per recuperare, abbiamo deciso non solo di tornare ma anche di contribuire attivamente all’evento, in qualità di volontari.

Fotografia Etica: le mostre di quest’anno

Così il 15 e 16 di ottobre saremo di nuovo in giro per Lodi ad ammirare le bellissime fotografie scelte quest’anno. Le mostre sono 18 in totale, articolate in alcuni “Spazi”, ovvero filoni tematici:

  • Le vite degli altri – reportage su comunità che vivono (per scelta, necessità o imposizione) in condizioni particolari come i membri del Ku Klux Clan statunitense, i nativi nelle riserve americane, i ragazzi della banlieue parigina o i cittadini di Norilsk, città situata in una delle regioni più inospitali della Siberia
  • Uno sguardo sul mondo –  i sogni dei piccoli profughi, il teatro politico statunitense, i paradisi fiscali, la violenza nelle favelas brasiliane
  • World report award – il caos nella Repubblica Centro Africana, la vita in una comunità di ortodossi radicali in Russia, la violenza incontrollata in Honduras, l’attesa della pena capitale in un carcere femminile iraniano
  • ONG – i pastori di renne Komi minacciati dall’industria petrolifera, la lotta per la sopravvivenza degli indio amazzonici Yanomami, lo sfruttamento dei piccoli profughi siriani in Libano
  • Premio Voglino – reportage sul Den’ Pobedy – la rievocazione annuale del vittoria russa sui nazisti – e sulla minoranza giapponese degli Ainu, riconosciuta ufficialmente solo nel 2008 dopo decenni di oppressione

Festival Fotografia Etica di Lodi 2016

Gli “extra” del Festival

Una delle particolarità del festival della fotografia etica è che le mostre sono sparpagliate per tutto il centro di Lodi. Questo regala ai visitatori la possibilità di esplorare la gradevole cittadina. Poiché inoltre le mostre sono tutte molto intense, consente anche di prendere fiato tra una e l’altra.
Un’altra caratteristica offerta di questa manifestazione è la possibilità di avere come guide delle mostre gli stessi autori (in date e orari specifici).

Come se tutto questo non fosse sufficiente, la banda di Progetto Immagine ha organizzato ben 36 mostre minori Fuori Festival, i cui autori sono tutti membri del gruppo.
Va detto che molti di loro sono tutt’altro che dilettanti… Queste piccole esibizioni verranno predisposte in bar e locali: un’altra bella opportunità di girovagare ed esplorare.

Festival Fotografia Etica di Lodi 2016

I retroscena del festival

Durante il nostro inquadramento all’interno del festival ci sono state fornite molte informazioni sull’organizzazione. Colpisce il fatto che, nonostante la grande crescita e il grande successo di pubblico, i finanziamenti pubblici siano sempre stati ridotti all’osso e che quest’anno si siano addirittura azzerati a causa del commissariamento del comune di Lodi. Poco male, gli organizzatori sono felici di non dover dire grazie a nessuno e possono contare sul supporto di circa trecento volontari! E’ da sottolineare che lo stesso lavoro dei vertici è del tutto gratuito.

Il festival della fotografia etica si protrarrà per 4 weekend, dall’8 al 30 ottobre 2016, e acquistando un biglietto da 12 euro sarà possibile accedere illimitatamente a tutte le mostre per tutto il mese.

Che altro dire, se siete interessati alla fotografia, ai temi etici o se siete anche solo curiosi di conoscere qualcosa di più di questo mondo non mancate.

Vi aspettiamo li, felici di sentirci una piccola parte di questo grande progetto.

Festival Fotografia Etica di Lodi 2016

AleRoss

Apparentemente diversi come il giorno e la notte, analogamente complementari e inseparabili da diverse ere geologiche. Ci unisce l'amore per il viaggio, tra le altre mille cose...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi